A Tiliguerta i piatti e le bevande serviti nel ristorante, al bar e nella pizzeria parlano la lingua del territorio che regala alla tavola dei nostri ospiti prodotti eccezionali, dal gusto genuino e dal sapore inconfondibile: paste tipiche come Is Malloreddus, piccoli gnocchetti di grano duro a forma di conchiglia, Culixionis, tipico raviolo ripieno di patate e cipolle, oppure di formaggio fresco, o di ricotta e spinaci; Sa Fregula, una pasta di semola fatta di tante palline e lavorata a mano che viene spesso servita con le arselle (Sa Fregula cun Cocciula); Is Prazzidas, ovvero una focaccia schiacciata cotta nel forno e ripiena di pomodori e melanzane, oppure di patate e salsiccia.


Le carni di maialetti, capretti, pecore e agnelli provengono rigorosamente da allevamenti locali e sono generalmente cucinate allo spiedo secondo antiche tradizioni. Il pesce locale è allevato negli stagni del territorio con l’utilizzo dell’acqua di mare: anguille, spigole, orate, muggini. Dalle uova di questi ultimi si produce la bottarga, ingrediente pregiato per la realizzazione di antipasti e primi piatti.


Il pane, ancora oggi considerato alimento indispensabile della gastronomia sarda viene cotto nei forni a legna. Il mirto, l’arancia, il limone e il fico d’india che crescono spontanei in questa zona, danno origine a liquori rinomati. Ottima la produzione di vini, miele, formaggi e dolci tipici, realizzati soprattutto con le mandorle.